domenica 24 marzo 2013

Insegniamo ai bambini l'abilità di ascoltare il proprio corpo

articolo di Karen Renzi

                                             http://superhealthychildren.com



"Sono orgogliosa di dire che mia figlia ama la frutta e le verdure. Non appena ha un mal di testa o non si sente molto bene, mi chiede di cucinarle una zuppa di verdure con l'aggiunta di un po' d'aglio. Le piacciono molto anche i semi, noci e nocciole da mangiare come snack e solo raramente chiede una merendina.
Mio figlio, che ha tre anni, è un po' più "difficile", a lui non piacciono le verdure ma sta lentamente cominciando a capire la ragione per cui il suo corpo ha bisogno di mangiare in modo sano. Normalmente non mangia la sua insalata senza lamentarsi ma oggi per esempio ha chiesto il bis di zucchine e questa cosa mi ha reso molto felice. Comunque mangia molto volentieri il muesli del mattino, che io preparo con frutta fresca, avena, nocciole e semi."


Il seguente articolo di Karen Renzi ci spiega quanto sia importante insegnare ai bambini sane abitudini alimentari fin da piccoli.

"Nel corso di più di vent'anni di lavoro con le famiglie ho osservato che quando i genitori adottano con gioia uno stile di vita che include cibo fresco di origine vegetale, non processato, ricco di elementi nutritivi, i loro figli tendono a seguirli con piacere e spesso diventano dei leader salutistici invece che dei seguaci di stili di vita scorretti.
In uno studio del 2007, il periodico "Pediatrics" riporta che se la madre si alimenta soprattutto di  frutta e verdure in abbondanza durante la gravidanza e l'allattamento poi il bambino mangerà volentieri a sua volta verdure e frutta. Questo studio è stato promosso per dimostrare l'influenza di esperienze sensoriali precoci sullo sviluppo di sane abitudini alimentari. I sapori legati alla dieta della madre sono trasmessi attraverso il fluido amniotico e attraverso il latte materno. Il neonato apprende i gusti di certi cibi quando la madre li consuma in modo regolare.
In un articolo del "Science Daily" pubblicato il 13 ottobre 2012, i ricercatori riportano un'altra buona ragione per mangiare tanta verdura verde:
"E' dimostrato che la verdura verde è fonte primaria di un segnale chimico molto importante per un sistema immunitario perfettamente funzionante."
In un articolo del 14 dicembre 2010, una ricerca apparsa nella rivista "Public Health Nursing" afferma che "ciò di cui una madre si nutre influenza direttamente la futura alimentazione dei suoi figli. Una dieta povera in frutta e verdura già a partire dall'infanzia sarà la principale causa all'origine di malattie croniche che si svilupperanno in età matura.

“Social eating leads to overeating and impaired digestion. Use books – not spoons – to bring your family together.” -  T. Zavasta

Anche le comuni convinzioni a riguardo del cibo sono importanti: molte mamme danno da mangiare di tutto ai loro bambini pensando che, poverini, stiano morendo di fame o  che altrimenti rimangano denutriti ... e i figli crescono con il credere veramente che queste siano abitudini da seguire, senza la consapevolezza di danneggiarsi tanto sia a livello fisico che emotivo e spirituale.
Quando si mangia cibo naturale non c'è più bisogno di definizioni come "colazione, pranzo e cena".
Ci sono state volte in cui i miei figli giocavano e facevano esercizio fisico senza sentirsi affamati. Obbligarli ad andare a tavola per il pranzo, andando contro il loro orologio interno e il loro fabbisogno, sarebbe stata davvero  una forzatura a tutti i livelli che non avrebbe di certo favorito né il loro benessere né la loro salute.

Durante i miei seminari dedicati a salute e benessere ho spesso incontrato adulti che mi hanno raccontato la storia di disordini alimentari causati da alimentazione "forzata" in età infantile: nessun riguardo, nessuna attenzione a quando mangiare e a quanto cibo mangiare...

“There are no ‘incurable’ diseases. If you are willing to take responsibility for yourself and your life, you can heal yourself of anything.” – Dr. Richard Schulze


La scrittrice Tonya Zavasta afferma che dovremmo mangiare  solo quando ne sentiamo psicologicamente il desiderio. Nel testo "Quantum Eating" spiega che mangiare è qualcosa di personale, legato a ritmi individuali e che non è salutare mangiare "socialmente" come forma di aggregazione.
Le  famiglie possono trovare altri modi per  riunirsi. "Si possono leggere libri invece che usare cucchiai".

Il tempo migliore per abituare i bambini a mangiare in modo sano è quando sono piccoli, nel periodo in cui guardano ai loro genitori come ai loro modelli di vita e credono al loro messaggio d'amore legato ad un'alimentazione naturale ricchissima di frutta e verdura.

“We are what we repeatedly do. Excellence, then, is not an act, but a habit.” – Aristotle


Quei bambini che sono stati cresciuti con sane abitudini alimentari  imparano ad ascoltare il loro corpo, a capire le sensazioni relative al tipo di digestione (più o meno facile, più o meno lunga) e a rendersi conto di quando veramente desiderano mangiare.
Però succede che, a causa della pressione dei coetanei, molti bambini scelgono ad un certo punto di sperimentare gli zuccheri raffinati ed il junk food. Dopo anni di sane abitudini alimentari questi bambini hanno comunque la vitalità per reagire agli effetti spiacevoli che percepiscono e, discutendone con loro, diventano facilmente consapevoli del collegamento tra il loro malessere ed il cibo tossico di cui si sono nutriti.

Le carenze vitaminiche e di minerali che derivano dall'assunzione di cibo per lo più cotto ed elaborato, sottoposto a trattamento termico, conservato e non fresco, sono la causa alla base dei comportamenti violenti e degli sbalzi di umore. Le reazioni allergiche, le dipendenze alimentari sono collegate all'assunzione di zuccheri raffinati, junk food e farinacei. Quando si diminuiscono le quantità di cibo cotto e di cibi elaborati, processati, e si aumenta la quantità di cibo fresco, crudo, di origine vegetale, molti sintomi sia mentali che fisici che si pensava fossero cronici si riducono sensibilmente e persino spariscono. Il cibo fresco, crudo fornisce ai bambini gli elementi nutritivi essenziali che sono assenti negli alimenti cotti."




4 commenti:

Si è verificato un errore nel gadget