martedì 15 settembre 2009

informarsi, confrontarsi e pensare con la propria testa

Malattie degenerative (artrite, sclerosi multipla, osteoporosi), obesità, diabete, cardiopatie, allergie, asma, autismo,  stanno aumentando progressivamente e non solo fra gli adulti. 
E ciò nonostante ci consoliamo dicendo che viviamo  più a lungo rispetto ad altre epoche però sappiamo che non viviamo certamente meglio. Ci hanno poi abituato fin da piccoli a pensare che ammalarsi è un'evenienza normale e quando ci ammaliamo ci sono sempre a nostra disposizione dottori e medicine che ci cureranno ... Non siamo stati educati a pensare con la nostra testa, a leggere e informarci su tematiche riguardanti per esempio l'alimentazione naturale che è materia negletta, non insegnata a scuola. Le poche informazioni che ci passano i massmedia sono spesso trasmesse per veicolare interessi legati all'industria alimentare e a quella farmaceutica. Per questa ragione è estremamente improbabile che durante la vita si riesca a fruire di un sapere slegato dal profitto e a formarsi una cultura alternativa a quella dominante se non per una ostinazione individuale nel voler approfondire e cercare verità nascoste. Quando ci si avventura alla scoperta di ciò che normalmente non viene a galla ci si sente poi un po' come dei ricercatori certosini, che studiano in modo solitario,diversi e separati dal resto della società però  orgogliosi di non essere intrappolati in stereotipi e luoghi comuni...
Un crudista è anche un pò studioso e un pò ricercatore, quello che sa se lo è conquistato con letture fuori dal comune, leggendo libri che difficilmente si trovano in commercio. Ha acquisito nozioni di igienismo, base su 
cui si fonda il crudismo,  principalmente attraverso internet e ha letto testi in vendita in alcuni siti web che si occupano di alimentazione naturale. Io per esempio mi sono innamorata del crudismo leggendo il libro di Sara Cargnello "Solo crudo"che ho trovato sul sito della Macrolibrarsi, poi ho acquistato manuali americani e tedeschi sempre via internet, mi sono iscritta al forum di Promiseland per poter apprendere dall'esperienza altrui e confrontarmi con persone che condividono lo stesso percorso.
Alla luce di ciò che ho appreso sino ad ora mi sento di dare il mio modesto consiglio a chi si sta aprendo adesso a questo affascinante mondo: non fatevi scoraggiare da nessuno, ascoltate voi stessi, le vostre sensazioni, il vostro corpo e non stancatevi di imparare. La strada è ricca di belle scoperte, incontrerete poi sempre chi tenterà di scoraggiarvi perchè insofferente  lui stesso a tutto ciò che porta cambiamento. A volte vi sentirete un pò "diversi", non preoccupatevi  troppo, cominciate ad iscrivervi ai vari gruppi crudisti di facebook per sentirvi meno isolati, leggete blog e forum, il confronto vi rinforzerà molto.
 Sta solo a voi poi riuscire a capire chi vuole aiutarvi veramente a conservare la salute e chi invece ha solo interesse a mantenervi sempre dipendente da pasticchette e pomatine. 



Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget