domenica 6 maggio 2012

Colgo l'occasione per rispondere a Marta in modo più esteso: i parametri di crescita dei bambini vegetariani sono leggermente diversi da quelli dei bambini onnivori, lo posso affermare  perchè ho sempre notato differenze evidenti tra i miei bambini e quelli di altri genitori onnivori i cui figli sono cresciuti rapidamente, troppo direi, anche allargandosi.  Spesso ho notato bambini visibilmente gonfi...i miei sono cresciuti snelli, senza adipe in eccesso, con crescita regolare e ottimo sviluppo cognitivo(a livello cerebrale la crescita accelerata incide negativamente). A un anno e mezzo tutti e tre i bambini parlavano già con sicurezza e in modo disinvolto, naturalmente con un loro vocabolario limitato però con capacità comunicative molto elevate per l'età ... Ho fino ad ora solo da raccontare benefici della dieta vegetariana, sono superconvinta che sia ancora meglio quella vegancrudista e non posso che incoraggiare e trasmettere il mio entusiasmo, continuerò a farlo perchè vedo i risultati positivi di tanti anni di impegno e ostinazione, i miei sacrifici hanno dato frutti meravigliosi!

13 commenti:

  1. Ciao letizia,
    Volevo dire una cosa.
    Sai che io sono flexitariana , quindi tendo a seguire un menu vegetariano tendente al vegano.
    Ma non mi ritrovo in quello che hai scritto ora.
    Mi spiego, quando ero piccola ero secca, mai avuto adipe di nessun genere.
    Eppure mia madre mi ha fatto seguire una dieta onnivora.
    Insomma la solitafettinavitellochefasangue ecc...
    Poi crescendo ho preso la mia strada, ma sono stata comunque sempre la bambina che a neanche un anno di vita fischiava, parlottava e si faceva capire benisimo e ti diro' di piu', ho foto di quando andavo sul trecicolo mentre glia ltri stavano nel girello.
    Non credo quindi che il mangiare in un modo piuttosto che in un altro migliori lo sviluppo a livello di intelletto.
    poi che questi bimbi li rimpinzano di bevande gassate zuccheri e prodotti confezionati...ecco secondo me dove nasce il problema vero e grande!
    Scusa se mi sono intromessa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è problema per l'intromissione, ognuno può riferire la sua esperienza con rispetto e volontà di condivisione.
      Esempi di bambini cresciuti bene come te se ne trovano, ne sono certa. Di sicuro ci sono una moltepilicità di fattori che influiscono negativamente sulla crescita di un bambino. E' anche vero che generalmente quando si diventa veg è anche perchè si sono acquisite tutta una serie di informazioni poco reperibili attraverso i massmedia: questo è un vero privilegio secondo me! Avere gli strumenti e la curiosità di imparare sempre cose nuove e spesso in controtendenza è un dono prezioso, siamo così fortunati quando possiamo capire e imparare e la nostra mente resta sempre aperta ad accogliere e cercare la verità... Grazie Luby per il tuo commento.

      Elimina
  2. Coraggiosissima, colta, impavida e direi anche sensitiva. Veramente tante congratulazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Epineo, sei tanto generoso! Ti ringrazio tanto per quello che hai scritto, i tuoi pensieri sono superpreziosi e molto apprezzati!

      Elimina
  3. Ciao, non so se rispondevi a me, comunque grazie per la tua risposta. Simone il piccolino effettivamente sta crescendo ma molto più lentamente (lo peso ogni 2 mesi) solo per tenerlo d'occhio perché è proprio piccolino ora 20 mesi è a 9kg200 :-) Lui è per di più vegan, anche se quando ci sono i fratellini che mangiano biscotti o altro li vuole anche lui, ma se no il latte di mucca proprio non lo vuole, per ora lo sto ancora allattando e ci va bene così :-)Per quanto riguarda la parola non parla ancora ma in questi giorni tenta di dire tante parole e voler parlare tipo ga sta per gatto pa sta per papà, tia sta per Mattia (il fratello), e tante altre...Insomma sono contenta di questi progressi perché appunto con il nostro terzo bimbo abbiamo molti problemi a 5 anni non parlava e ora parla malissimo ed io ero un po' preoccupata...comunque continua a postare che mi piace leggere i tuoi articoli sempre molto interessanti.
    A presto
    Marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta, ma lo hai fatto vaccinare il tuo terzo bimbo? Non ho ben capito, il tuo primo ora quanti anni ha? E' quello che a cinque anni non parlava? Adesso come sta? Ha recuperato?
      Per il discorso legato al latte devo dire che anche i mei non ne hanno mai bevuto e non tollerano il suo sapore però se qc offre loro un gelato alla crema allora lo gradiscono ... sono bambini e non è facile tenerli lontano da tutto oltre al fatto che probabilmente vogliono anche fare i loro errori e avvicinarsi a sapori diversi. Quando però dico loro che mangiando in un certo modo poi possono ammalarsi allora cominciano a stare più attenti. E' capitato qualche volta al grande di aver mangiato diversamente dal solito e cibo poco vitale (anche da vegan capita, eccome!) e si è ritrovato in breve tempo col muco e un forte mal di testa. Il corpo quando decide che è ora di eliminare lo manifesta anche così, mancanza di appetito e sonnolenza, temperatura corporea più alta... Concludendo ti posso dire che la crescita di un bambino ha ritmi tutti suoi, a volte il corpo ha necessità di eliminazione di tossine e si concentra lì, e le tossine possono essere state accumulate anche durante la gestazione e sicuramente con la somministrazione delle vaccinazioni... A proposito, se ti va magari dimmi anche come ti alimenti tu in fase di allattamento ma anche precedentemente...

      Elimina
    2. Ciaon no nessuno bimbo ho fatto vaccinare :-) I miei bimbi hanno 10, quasi 9, quasi 7 e quasi 2. Quello che non parlava ora parla ma parla malissimo e perciò ha bisogno tanta logopedia per recuperare, ma per questa cosa che è rimasto tanto indietro con il parlare a scuola non l'accettano e dobbiamo mandarlo in una scuola speciale a settembre.
      L'ultimo che è nato volevo che crescesse appunto vegan ma dopo l'anno ormai bello vispo, vedeva i fratelli a mangiare altri dolci e lui gridava per averli, mi son detta che forse era meglio lasciarlo fare perché poi diventava molto frustante per entrambi. In casa girano poche merendine e i più grandi ora vedo che sono pronti per affrontare discorsi sul perché io sono vegan e anche mi chiedono se ci sono vantaggi e perché si è vegan...e allora mi sto dando da fare per fargli capire meglio cosa sia la scelta vegan e crudista che magari un giorno e l'altro saranno loro a scegliere di diventarlo :-)Il più grande mi ha fatto un sacco di domande sul perché ci si ammala, sul perché si prende il cancro e tante altre cose che non sapevo bene come rispondere, ho solo detto che io diventando vegan ho migliorato in tutto, non mi ammalo più e sono più vitale...e lui mi risponde: allora anch'io sono vegan...ma dopo pochi giorni dimenticano e si mangiano il suo formaggio...però mi fa piacere che ci pensano e ogni tanto che mi chiedano queste cose.

      Allora per quanto riguarda l'alimentazione io che ora sto ancora allattando la mia alimentazione è vegan come ormai da 6 anni, imparo pian piano a cucinare altri cereali (tipo cus-cus, quinoa, grano saraceno, miglio, riso integrale,ecc) ma raramente riesco a farli mangiare a tutti i bimbi. Faccio prima a dirti cosa mangio in una giornata: colazione da un po' di tempo che mangio sempre qualcosa (ci son periodi che mi faccio solo un succo ma ora che allatto non riesco ad arrivare a fine mattinata), tipo latte di soia con crema di nocciole o latte di riso con gallette di riso e marmellata o pane e marmellata, ogni tanto mi concedo anche della nutella vegan, a metà mattina magari se mi ricordo mangio della frutta, a pranzo inizio sempre con una mega insalata verde e altre verdure crude poi il pranzo (pasta, riso, legumi,ecc) il dessert quasi mai, la merenda a dipendenza del tempo mi mangio della frutta o anche un bel frullato, la cena anche li una mega insalatona :-) Quello che mi manca è la voglia di mangiare la frutta...non so perché ma mi dimentico o son pigra..non so...l'unica per me è fare frullati anzi tanti frullati :-) Ma adesso ci sono le bacche, le fragole, le ciliegie che mi salvano un po' :-)
      Scoprire il crudismo mi ha fatto conoscere le verdure, di quanto siano buone ma la frutta ho sempre fatto fatica eppure è buonaaaaa e mi piace.
      Scusa per il commento sempre lunghissimo, mi sa che faccio prima a scriverti un'email, se vuoi puoi scrivermi anche tu.
      Ciao
      Marta

      Elimina
    3. Ciao scusa, ti ho risposto a questo messaggio ma non lo vedo, se è perso lo riscrivo.
      ciao Marta

      Elimina
    4. Ciao, ti ho risposto ma mi sa che il messaggio non è rimasto, ma ora devo scappare, proverò ancora più tardi.
      Ciao
      Marta

      Elimina
    5. ti lascio il mio indirizzo letizia.cuscela@gmail.com, e poi ti chiedo e forse intuisco, vivi in Svizzera? Perchè le scuole speciali non esistono più da tempo in Italia.
      Riguardo al consumo di frutta ti consiglio senz'altro di leggere il libro "la dieta senza muco" di Arnold EHret... ne hai già sentito parlare? Spesso si fa fatica a mangiare frutta quando il nostro intestino è intasato dal muco.

      Elimina
  4. Ciao Letizia,
    ho letto con interesse il tuo post. Mi presento: mi chiamo Laura e sono una vegetariana convinta da ormai 4-5 anni. Per il momento non ho figli, ma se in futuro arrivassero bandirei sicuramente carne e pesce dalla loro dieta.
    Lavoro per un'agenzia di comunicazione che si sta occupando di organizzare e promuovere un evento di assoluto interesse per quanti danno valore all'alimentazione come strumento per prevenire e vincere le malattie.
    Si tratta di BE4EAT, la conferenza in prima italiana di T. Colin Campbell, autore di quel rivoluzionario testo che è The China Study.
    Ad avere l'idea di invitarlo è stata la mia titolare Nicla Signorelli, anche lei come te blogger (ti invito a leggere www.niclapress.com) e mamma (di 4 splendidi bambini). Non credo di sbagliarmi a pensare che anche Nicla vorrà dire la sua sull'argomento del tuo post che la riguarda direttamente.
    Nel frattempo ti scrivo per dirti che lo staff di BE4EAT di cui faccio parte sta contattando i blogger più conosciuti e letti che trattano tematiche riguardanti l'alimentazione naturale, per diffondere la notizia del seminario. Ci piacerebbe fare rete anche con te, magari proponendoti qualche forma di collaborazione. Ti lascio la nostra email per qualsiasi comunicazione: info@be4eat.com.
    Continueremo a seguirti,
    Un saluto
    Laura

    RispondiElimina
  5. Ciao Letizia,
    è da un po che seguo il tuo blog. Sono Anna ed ho un bimbo di 4 anni. Da circa 1 anno in famiglia siamo vegetariani, ed ultimamente sto sperimentando molto con il crudismo e cercando di eliminare tutti i tipi di proteina animale quali uova e formaggi freschi che facevano ancora parte della nostra alimentazione. Ed è per questo che mi piacerebbe sapere della tua esperienza come madre in questo senso, perchè la verità e`che in rete si trova di tutto e di più. Nel senso che indagando, ho trovato anche blog di crudisti che però stanno dando proteina animale ai bimbi perchè altrimenti non crescono bene, si parla della vitamina K2, che influisce sulla caduta dei denti, per esempio, e di altro. Non essendo esperta in nutrizione, non so se faccio bene a togliere del tutto le proteine animali al bimbo, non vorrei commettere un errore. Tu come mamma crudista, hai cresciuto e continui a crescere i tuoi bimbi in modo vegano-crudista? se si, c'è bisogno di dargli supplementi, quali vitamine o altro? ti ringrazio per qualsiasi consiglio mi possa dare.
    Un saluto
    Anna Cirillo

    RispondiElimina
  6. Anna, grazie della tua mail. Anch'io come te vorrei che i miei figli si alimentassero secondo i miei principi e per questo cerco sempre di spiegare loro le ragioni per cui occorre fare attenzione alla propria dieta. Spesso faccio vedere loro cosa significa allevamento intensivo, macellazione, trasporto del bestiame, ma anche mungitura e separazione del vitello dalla madre... oltre a ciò sanno anche cosa succede ai pulcini maschi, triturati vivi perchè non ovaioli, conoscono la vita delle galline, prigioniere impazzite in piccole gabbiette ... Quello che hanno visto ha lasciato il segno, poi però esiste la società, la vita scolastica: la famiglia può fare tanto quando sia papà che mamma sono d'accordo nell'adottare scelte condivise. Nel mio caso, io sono un po' "sola", porto avanti le mie battaglie e le mie convinzioni con tenacia però mio marito non è sempre pronto per accettare queste "novità" che sono grandi rivoluzioni interiori anche. Io ti dico che i bambini si possono crescere in piena, ottima salute anche solo a frutta (vedi raw family e il libro "Raising Raw Children")ma nella nostra società è molto difficile riuscirci purtroppo. I miei bambini desiderano la pizza e spesso la pasta ma penso siano ormai solo abitudini più che esigenze.
    Si possono usare fonti proteiche diverse dai formaggi utilizzando mandorle, crema di sesamo o di nocciola (che si possono anche fare in casa). Il discorso delle carenze spesso è legato a creare insicurezza (vedi il mio post sulla vitamina B12, è un sunto tratto da un articolo di Valdo Vaccaro).
    L'importante è essere informati e ricordarsi che occorrono tante calorie ed elementi nutritivi di buona qualità biologica, provenienti da alimenti vivi soprattutto e non da cadaveri (sic!). Oltre a scorrere i tanti post che ho già pubblicato ricordati di visitare anche il sito di Valdo Vaccaro e avrai ulteriori, preziose informazioni.

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget