sabato 1 agosto 2009

bambini e dieta crudista

"E' molto facile nuocere quando si evita di mettere i bambini nella giusta relazione con l'ambiente in cui vivono. Questo può succedere soprattutto nei riguardi del loro istinto verso il cibo. I bambini possono essere supernutriti con cibi che gli fanno perdere completamente la loro innata attrazione per il cibo sano mentre dando loro il giusto nutrimento l' istinto si conserva intatto preservando così in loro la capacità di scegliere sempre il meglio per sè in ogni circostanza." Questo diceva Rudolf Steiner (www.rudolfsteiner.it).
A David Wolfe, il guro del raw food, è stato chiesto se una dieta crudista è adatta ad alimentare in modo sano anche i bambini. Lui ha risposto che una dieta crudista bilanciata, contenente cioè frutta di origine biologica, verdura, germogli, noci, semi ed integratori naturali a base di erbe ed alghe è adattissima sia per bambini che persone anziane.
Il 98,5% della popolazione americana ha problemi ai denti a causa della demineralizzazione (nutrizione sbaglaita e altamente calorica) e a causa del troppo zucchero.
Il 50% della popolazione muore a causa di malattie cardiache dovute all'alimentazione sbilanciata, il 100% della popolazione maschile si ammalerebbe di cancro alla prostata se non fosse che buona parte degli uomini adulti muore precocemente.
David ha aiutato a guarire centinaia di persone malate di cancro alla prostata semplicemente consigliando loro una dieta ricca di cibi crudi, verdura, succhi di frutta fatti in casa.
Nei prossimi 10 anni il cancro supererà le malattie di cuore come prima causa di morte negli Stati Uniti. La migliore cosa per prevenire il cancro è evitare di esporsi agli agenti cancerogeni.
Il primo fattore di esposizione in assoluto agli agenti cancerogeni è il cibo cotto di origine industriale.
Frutta e verdura crude contengono in sè le sostanze antiossidanti che ci aiutano a combattere gli agenti cancerogeni.

( per leggere l'articolo completo visitate il sito www.Davidwolfe.com )



Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget